Ogni storia dell’orrore, o almeno del mistero, che si rispetti ha bisogno prima di tutto una collocazione fisica. Non basta dire “c’era una volta”, bisogna specificare il dove, comprendere appieno le radici del luogo in cui il nostro racconto affonda, donare a chi ci ascolta o legge un posto da poter visitare, dove perdersi, restare a bocca aperta, scappare via terrorizzato. Tra i tanti luoghi densi di significato e mistero non si può non contemplare la Sicilia. Qui silenziosa, all’ombra dell’Etna, sorge Catania, sorvegliata e protetta da ‘U Liotru, l’elefante centenario che svetta al centro della città, custode immortale che la difende dalla furia del gigante di roccia e magma. Poco distante si trova un piccolo paese divenuto teatro di suicidi e morti misteriose, di fantasmi ed apparizioni: questa è la storia della villa dei misteri di Mascalucia.

 


 



Di fronte al cimitero comunale di Mascalucia, a due passi dal municipio, sorge un’imperiosa villa del 18° secolo che gli abitanti del luogo guardano con gli occhi bassi, avvolti da un brivido lungo la schiena. Abbandonata all’inizio del 19° secolo, era in origine proprietà di un ricco barone, che ancora giovanissimo, e senza alcun apparente motivo, decide di togliersi la vita in una delle sedici stanze del palazzo. La proprietà negli anni è passata di padre in figlio, da un compratore ad un altro, e tutti i proprietari sono morti nel giro di pochi mesi. Tante persone sono passate dal grande cancello che si affaccia sulla strada, e molte ne sono uscite avvolte in un sudario.

Tranne i giardinieri.

Da generazioni la stessa famiglia di giardinieri cura il giardino della villa, e sembrano gli unici immuni alla sua maledizione. Il mestiere è così passato di generazione in generazione fino ai giorni nostri, come se il destino della casa e del suo giardiniere fosse legato da un sottile filo invisibile.

Freddo pungente ed odori nauseabondi sono il biglietto d’ingresso in un percorso che si snoda su tre piani: rumori di passi, sbalzi di corrente, ed apparizioni improvvise, come quella di un bambino di circa una decina d’anni, accolgono gli incauti viaggiatori nel seminterrato, dove sembra essere stato sepolto il barone suicida. Con uno sguardo rivolto al cimitero al di là della strada, dove forse i morti sono gli unici a conoscere cosa si nasconde davvero tra le mura della villa.

3
Lascia un commento

Login per commentare
avatar
1000
3 Commenti
0 Repliche
0 Follower
 
Commenti più importanti
Commenti più votati
2 Autori
PatriziaAlessandra Autori recenti
  Sottoscrivi  
Notificami
Alessandra
Ospite
Alessandra

Non è vero nulla. Non cigola nulla, non esistono ombre. Solo una meravigliosa villa maestosa abbandonata in fase ristrutturazione e il motivo non si può dare per scontato che sia la morte di ogni compratore. La casa è qualcosa di eccezionale distrutta dai vandali, non ci sono presenze, bambini, imbre o rumori. Non credete neanche alla storia della lettera arrivata in redazione dalla nipote del proprietario. Un giardino immenso, una raccolta acqua in un puano enorme, scale per salire fino alla terrazza. Maestosa, regale e con un tipo di ristrutturazione moderna all’avanguardia non portata a termine. Tutto qui! Visitata personalmente… Leggi il resto »

Patrizia
Ospite
Patrizia

quanto costa?

trackback

[…] circondato dagli alberi della Foresta Nera. In realtà, di luoghi spaventosi ce ne sono a migliaia anche in Italia, ed il più interessante di tutti è probabilmente l’isola di Poveglia, nella laguna […]