Un meteorite caduto oltre 50 anni fa in Australia nasconde un materiale alieno proveniente dal cuore di un altro pianeta.

Si chiama edscottite, in onore dell’esperto di meteoriti Edward R.D. Scott della University of Hawai’i; ed è una rara forma di carburo di ferro, che non è presente in natura sulla Terra. L’edscottite proviene da un meteorite caduto nel 1951 in Australia.



Il meteorite di Wedderburn

Abbattutosi sulla città di Wedderburn nel 1951, l’omonimo meteorite è formato principalmente da oro e ferro, più altri minerali rari noti, come kamacite, schreibersite, taenite e troilite. Ritenuta all’inizio semplicemente una bizzarra (ma oltremodo preziosa) pepita di 210 grammi, la roccia è da oltre sessant’anni oggetto di studi minuziosi tanto che, ad oggi, del reperto originale non restano che una settantina di grammi conservati al Museums Victoria. Nel settembre 2019 viene comunicata la scoperta al suo interno di un altro minerale, che qui sulla Terra non è presente in natura, l’edscottite (Fe5C2). La pubblicazione è a opera di Chi Ma, senior staff scientist e mineralogista della Caltech sulla rivista American Mineralogist.

Dallo spazio profondo

Dallo spazio profondo

La scoperta è importante perché non si credeva possibile la presenza dell’edscottite in natura, ma solo come prodotto in laboratorio della fusione del ferro.

Abbiamo scoperto dai 500.000 ai 600.000 minerali in laboratorio, mentre in natura ne troviamo poco meno di 6.000. – Stuart Mills, curatore di geo-scienze al Museums Victoria

Si suppone che la roccia sia stata generata dall’enorme pressione presente nel nucleo di un corpo celeste a noi ignoto, frammentatosi milioni di anni fa a seguito di un cataclisma di dimensioni inimmaginabili. Il meteorite di Wedderburn rappresenta le vestigia di un pianeta forse simile al nostro, la cui fine resterà probabilmente per sempre avvolta nel mistero.

Weddenburn Edscottite Meteor Impatto Globo Planet Traccia Astronomia